ecografia
,

Ecografie

ECOGRAFIE OSTETRICHE 3D E 4D

Per una valutazione più precisa e dettagliata dei vari organi fetali utilizziamo ecografie 3D e 4D che, con l’acquisizione di sonde volumetriche tridimensionali, consente di visualizzare l’immagine in diversi modi.
In pratica, l’uso del 3D con immagini acquisite in sequenza nel tempo, realizza il 4D che consente di vedere
il movimento in rappresentazioni tridimensionali. L’ecografia 3D/4D consente una grande flessibilità e la possibilità di visualizzare l’immagine in tempo reale con risultati davvero spettacolari.

TRANSLUCENZA NUCALE

L’età gestazionale deve essere compresa fra le 11 e le 13+6 settimane e il CRL fra i 45 e gli 84 mm.

VILLOCENTESI

Consiste nell’aspirazione di villi coriali, il tessuto placentare allo stato iniziale, attraverso un ago introdotto per via transaddominale. Si esegue dalla 10° alla 12° settimana; può essere eseguita anche in epoca più avanzata della gravidanza, in questo caso si parla di biopsia placentare.
Permette di diagnosticare con certezza le anomalie cromosomiche del feto (es. Sindrome di Down, Trisomia 21), le più frequenti malattie genetiche (X-fragile, fibrosi cistica, sordità genetica, talassemia, distrofia muscolare di Duchenne, ecc.) nonché di stabilire, su richiesta, la compatibilità genetica (test di paternità)

AMNIOCENTESI

È il prelievo di liquido amniotico del sacco amniotico. Lo si esegue sotto diretto controllo ecografico.
Il prelievo viene eseguito tra la 16° e la 19° settimana di gestazione (generalmente alla 17° settimana)
Serve per scoprire tutte le malattie cromosomiche fetali e a dosare l’alfa-feto proteina, indicatore di patologie del sistema nervoso

ECOGRAFIE GINECOLOGICHE 2D, 3D/4D

Ecografie utili per la valutazione di eventuali patologie dell’utero e di eventuali masse pelviche:
utero insellato, poliposi multipla endometriale, polipi endometriali, cisti ovariche, iperplasie endometriali

SONOSALPINGOGRAFIA

È un esame ecografico transvaginale che consente di valutare la pervietà tubarica evitando il ricorso ad esami invasivi come la laparoscopia o la isterosalpingigrafia. La conoscenza dell’esistenza di tube chiuse consente subito scelte riproduttive diverse evitando anni di ripetuti tentativi senza successo.
Si esegue al termine del ciclo mestruale in quanto consente la migliore visualizzazione della cavità uterina e
delle tube. L’esame non richiede alcuna preparazione ed è indolore. Si tratta di un esame ambulatoriale che ha la durata di circa 20 minuti.

ECOGRAFIA MAMMARIA

Con questo tipo di ecografia vengono identificate le condizioni anatomiche e funzionali della mammella: alterazioni anatomiche strutturali riconducibili a patologia benigna o maligna o clinicamente sospetta

Ecografia

NB: Tutte le ecografia 3D/4D legate alla gravidanza posssono essere riprodotte su chiavetta USB o DVD e conservare una memoria splendida dei primi momenti di vita del bambino

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.